Articoli

DISPETTO PER NORCIA

Posted by on 14 Lug, 2019 in All, Articoli, Flash | 0 comments

DISPETTO PER NORCIA

Apprendiamo con sollievo che il gruppo di minoranza Noi per Norcia ha deciso di intraprendere quel percorso di indagine e controllo da noi ripetutamente caldeggiato. Bene ha fatto il capogruppo Angelini nel paventare pubblicamente l’intervento di Procura, Autorità anti-corruzione, Corte dei Conti e Prefettura, laddove “amministrazione e dirigenti del Comune continueranno a negare informazioni e gli atti necessari per lo svolgimento del mandato dei consiglieri comunali“. A seguito di tali esternazioni, è scaturito un botta e risposta tra esponenti dell’opposizione ed il capogruppo di maggioranza (o chi per lui) che non staremo a rivangare vista la pochezza formale e sostanziale mostrata da quest’ultimo. Suggeriamo solamente, durante l’evidente attività di dettatura, che l’eminenza grigia della maggioranza prestasse la dovuta attenzione a determinate sfumature. Nello specifico ci riferiamo all’ultimo comunicato apparso nella pagina facebook di Rispetto per Norcia da cui testualmente estrapoliamo quanto segue: “per quanto riguarda la richiesta relativa ai procedimenti giudiziari in atto, si chiarisce che l’Amministrazione deve necessariamente attenersi alle norme vigenti per la tutela delle persone coinvolte. Peraltro simili argomenti sono stati già discussi in un Consiglio Comunale che si è svolto il 20 febbraio scorso su richiesta dei gruppi di minoranza durante il quale abbiamo affrontato, ad esempio, le tematiche inerenti alla BCC e al Centro Boeri…” (Il Capogruppo di Rispetto per Norcia Marco Valesini). Caro capogruppo ci permetta di evidenziare alcune anomalie cui magari vorrà dare seguito: – il gruppo consiliare Noi per Norcia ha richiesto l’elenco dei procedimenti giudiziari a carico di sindaco e amministratori nell’espletamento delle funzioni dell’Ente e relativamente ai quali, giova ricordare, sono i cittadini a pagare la parcella degli avvocati difensori. Non crede pertanto che sia eticamente corretto che gli stessi conoscano la verità? – Laddove rispondesse al vero che certi argomenti siano stati discussi nel febbraio del 2019 e quindi nell’ambito di un precedente mandato amministrativo, cosa vieta all’attuale consiglio comunale recentemente insediato di discuterne nuovamente? – Perché nella sua risposta scrive “durante il quale abbiamo affrontato le tematiche inerenti alla BCC e al Centro Boeri“. Ma come, Lei sedeva già in Consiglio? Al contrario, non è stato forse eletto per la prima volta a maggio 2019? Nuova Norcia “Libertà è...

read more

#DURAOPPOSIZIONE

Posted by on 15 Giu, 2019 in All, Articoli | 0 comments

#DURAOPPOSIZIONE

E’ di questi giorni la notizia che al signor Alemanno è stata notificata la conclusione delle indagini preliminari ex articolo 415 bis c.p.p. relativamente all’installazione dell’ormai celeberrimo pre-fabbricato della Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona che a giudizio dei Pubblici Ministeri è avvenuto in violazione al Testo unico dell’edilizia e al Codice dei beni culturali in un’area sottoposta a vincolo sismico e paesaggistico, ricompresa nel Parco nazionale dei Sibillini e nei siti Natura 2000, senza il necessario permesso a costruire e in assenza della preventiva valutazione di incidenza ambientale. In riferimento al secondo e pesantissimo filone d’inchiesta, ovvero quello che riguarda i rapporti intercorsi tra il primo cittadino e i vertici della BCC, per le quali la procura di Spoleto ha ipotizzato le accuse di corruzione, turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, è scattata la proroga delle indagini per ulteriori sei mesi. Intanto uno dei due processi già iniziati a carico del sindaco, nello specifico quello relativo a Casa Ancarano, è entrato nel vivo regalandoci subito un colpo di scena: la Pro loco di Ancarano ha saputo soltanto dopo il sequestro della struttura polivalente in costruzione del diniego operato dal Parco nazionale dei monti Sibillini. Stando alla testimonianza della tesoriera della Pro Loco medesima, sembrerebbe che il mancato nulla osta dell’Ente alla realizzazione della struttura datato 18 agosto 2017 e trasmesso dal Comune di Norcia il 26 settembre sempre del 2017 in realtà non sia mai stato notificato all’associazione proprietaria dell’area. Quella notifica infatti reca la firma di una persona che non fa parte dei vertici dell’associazione e che lavora in Municipio. A margine di questo scenario ci chiediamo: ma come fa una popolazione tanto pudica, cosi prodiga ad indignarsi e puntare il dito verso chicchessia, ad esprimere giudizi sferzanti talvolta senza conoscere realmente i fatti, a giustificare certi comportamenti? Ma c’è di più. Non più tardi di 25 giorni fa 1.600 elettori, hanno riconfermato la propria fiducia ad un individuo al quale, pare, l’opinione pubblica “perdoni” proprio tutto! Mai un commento, mai una frase di biasimo, sui social scompaiono cosi come sono comparse certe notizie nell’indifferenza più totale senza che alcuno (pochissimi in realtà) dia peso a quanto scritto e contestato. In virtù di quanto sopra esposto, auspichiamo che la nascente opposizione consiliare, chieda la convocazione d’urgenza del massimo consesso cittadino nell’ambito del quale il sindaco riferisca circa i procedimenti penali in atto, l’esito e la situazione delle indagini a proprio carico elencandole nel dettaglio ed evidenziandone i capi di imputazione. Sempre alla minoranza chiediamo di informare la collettività circa i “rischi” cui il primo cittadino sta sottoponendo la città laddove venga raggiunto da una condanna di primo grado anche alla luce di quanto stabilito dal Tar della Calabria con la sentenza del 5 ottobre 2017 n. 862 e simultaneamente presenti una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco medesimo in quanto privo della giusta serenità per amministrare la cosa pubblica alla luce di tali enormi problematiche politiche, etiche e giudiziarie. Nuova Norcia “Libertà è...

read more

CIOCCOLATINO

Posted by on 9 Giu, 2019 in All, Articoli, Flash | 0 comments

CIOCCOLATINO

Altro clamoroso esito elettorale (dopo Manuela Brandimarte leggere post Congiunta) è quello inerente Arianna Verucci candidata al Parlamento Europeo per Forza Italia. Dopo aver ricevuto l’endorsement di autorevoli imprenditori locali, l’apprezzamento dell’intera opinione pubblica ed il sostegno dichiarato di entrambi i candidati sindaci, all’atto dello spoglio si è intuito come i conti non siano affatto tornati. Se l’appoggio di Giampietro Angelini e della sua compagine poteva essere più didattico che fattivo, trattandosi comunque di una candidata locale teoricamente ben vista da tutti i 3.052 votanti, il sostegno del signor Alemanno e “socci” doveva essere di ben altro spessore. Appare chiaro alla luce del risultato ottenuto alle comunali (quasi 1.600 voti) come la malcapitata Arianna sia stata vittima di un ingiustificato boicottaggio avendo realizzato il magrissimo risultato di 797 voti! La Verucci tra l’altro nella circoscrizione Italia Centrale ha comunque ottenuto un risultato onorevole con 2.067 preferenze complessive collocandosi tra le fila di Forza Italia seconda alle spalle del capolista Antonio Tajani. Spiace constatare come nella sua città, col sostegno del sindaco uscente e collega di partito Alemanno, siano arrivati meno della metà dei voti che allo stesso Nicola hanno consentito di diventare nuovamente primo cittadino. E pensare che non più tardi di un paio di mesi or sono proprio Alemanno dichiarava “grazie al presidente Tajani che ancora una volta si è dimostrato vicino alla città gratificandola con la candidatura di una nostra concittadina e imprenditrice. Arianna è uno di quegli esempi concreti di resilienza che hanno contraddistinto la nostra comunità immediatamente dopo il sisma del 30 ottobre. Con grande tenacia infatti si è rimessa subito in moto, riparando l’azienda danneggiata, senza fermare la produzione. Sono sicuro che Arianna metterà a disposizione delle Istituzioni Europee la sua esperienza, in particolare quella acquisita in questi anni post sisma”. Caro Alemanno, qui l’unico che non si è messo a disposizione di una propria concittadina sei tu ma a questo gran parte dei nursini sono largamente abituati. Nuova Norcia “Libertà è...

read more

CONGIUNTA

Posted by on 6 Giu, 2019 in All, Articoli, Riflessioni | 0 comments

CONGIUNTA

Attraverso il Decreto Sindacale n. 8 il signor Alemanno ha dunque provveduto alla nomina dei propri assessori. Accanto ai confermatissimi Giuliano Boccanera (lavori pubblici, edilizia privata, ambiente, mostra mercato, frazioni) e Giuseppina Perla (servizi sociali, affari generali, turismo, cultura e gemellaggi) figurano le new entry Nicolas Novelli (commercio, artigianato, agricoltura, patrimonio, anagrafe, tutela della privacy e sport) e Monia Loretucci (bilancio, tributi e personale). Da qui la prima considerazione: ma se lo slogan elettorale della lista Rispetto per Norcia è ”solo con la continuità c’è futuro” perché non è stata confermata in blocco la precedente giunta? Se nel caso dell’ex vice Sindaco Altavilla ipotizziamo una “scelta tecnica” per l’ex assessore al bilancio Manuela Brandimarte la situazione è leggermente diversa. Uscita di scena nell’indifferenza più totale, prima degli esclusi con 61 preferenze, non vorremmo avesse “pagato” l’ingombrante presenza di alcune questioni che vedono contrapposti a vario titolo componenti della propria famiglia e l’attuale governo cittadino. Vorremmo ricordare a tal proposito il contenzioso tra i signori Brandimarte Giuseppe e Gilberto ed il Comune di Norcia relativo alla demolizione di alcune opere realizzate senza la prescritta autorizzazione edilizia in Frazione Castelluccio (vedi Delibera di Giunta n. 154) oppure la vicenda che ha visto l’Ente intimare ai signori Brandimarte Fabio e Maurizio la demolizione di alcune case mobili ubicate presso Viale della Stazione poiché in assenza di titoli abilitativi e di autorizzazione paesaggistica come da Ordinanza Sindacale n. 13 (leggere precedente post Coerenza). Al di la delle personali posizioni, non possiamo che riconoscere all’assessore uscente serietà nel proprio operato,  discrezione e fedeltà alla sua compagine cui ha prestato la propria opera, credibilità e competenza in un momento tutt’altro che semplice assumendosi rischi e responsabilità non proprio trascurabili. Sul piano morale ed umano, giunga a lei tutta la nostra solidarietà per la legittima delusione ed il discutibile trattamento ricevuto. In tutto questo Alemanno che fa? Intanto utilizza la carta di credito. Come da Determina n. 42 infatti, prendiamo atto che solamente nei primi tre mesi del 2019, sono stati spesi a vario titolo ben 6.644,09 EURO. Unitamente a ciò, ha subito provveduto, attraverso il Decreto Sindacale n. 7 alla nomina (o riconferma) del componente ufficio staff del sindaco, soggetto che graverà sulle casse comunali fino al termine del mandato amministrativo. Ma a ben vedere, già nel lontano 2007 attraverso l’Ordinanza Sindacale n. 10 (e…), fu sempre lo stesso Alemanno ad introdurre una tale figura di sostegno (ad oggi ancora presente nell’organico comunale) avente le stesse mansioni  affidate al nuovo. Se non ci tradisce la memoria, l’altro ovvero quello che “si è venduto l’acqua” pare che utilizzasse personale interno già assunto a tempo indeterminato per occuparsi della propria AGENDA… evidentemente, rispetto a quella attuale, aveva qualche giorno in meno. Nuova Norcia “Libertà è...

read more

IN GINOCCHIO DA TE

Posted by on 27 Mag, 2019 in All, Articoli, Flash, Riflessioni | 0 comments

IN GINOCCHIO DA TE

Innanzitutto partiamo da un assunto: il popolo è “padrone” ed ha fatto la sua scelta. Amiamo la democrazia e crediamo nella libertà di espressione, che va SEMPRE difesa e tutelata. In fondo, parlando da cittadini, non è andata poi cosi male. Il signor Alemanno infatti, già da domani, si metterà a lavoro per tradurre in pratica quanto promesso in campagna elettorale: la ricostruzione completata per il 65% nei prossimi cinque anni, l’ospedale civico trasformato in centro di assoluta eccellenza (con poliambulatori – 118 attivo 24 ore – elisoccorso – centro di microchirurgia – un insieme di apparecchiature che richiameranno pazienti da tutta l’Umbria e la R.S.A. trasferita da Cascia a Norcia) impiegare i 70 milioni di euro già stanziati per le grandi opere (tra cui il nuovo polo scolastico, la residenza protetta per anziani e il palazzetto dello sport più grande del centro Italia) riaprire le strutture ricettive che tra breve saranno nuovamente in grado di ospitare migliaia di turisti. Ma vogliamo parlare delle opportunità di lavoro? Siamo sicuri che il signor Alemanno saprà dare risposta ai tanti che, sempre a partire da domani, busseranno alla sua porta certi di trovare una soluzione consona alle proprie istanze. Ci rivolgiamo pertanto a quanti oggi si sentono delusi, traditi e sconfitti: non è la fine di nulla ma solo l’alba di un nuovo inizio. Dal 01 al 26 maggio il nostro dominio ha fatto registrare qualcosa come 8.027 visualizzazioni con l’accesso di 1.887 utenti, segno evidente di una vitalità e una “sete” d’informazione straordinaria. Non disperdiamo questo patrimonio, non disseminiamo tutto l’entusiasmo e lo spirito di coinvolgimento. La tornata elettorale lascia in dote un governo cittadino ed una minoranza che ci auguriamo sarà RIGOROSA, ATTENTA ed INFORMATA: 1336 concittadini vi hanno concesso la propria fiducia, non disperdetela ma anzi rispettatela e dimostratevi all’altezza. Ai locali circoli politici di opposizione diciamo sveglia! Interessate i vostri iscritti, dimostrate vitalità invece di sonnecchiare per anni ridestandovi solo in prossimità delle elezioni; fatevi un enorme esame di coscienza e costruite un consenso sano stando tra la gente. Noi continueremo a vigilare, a scrivere (e credeteci ce ne sarà da scrivere…) a condividere informazioni mentre voi “non pensate alle vostre frustrazioni, ma al vostro potenziale irrealizzato. Non preoccupatevi per ciò che avete provato e fallito, ma di ciò che vi è ancora possibile fare“. Nuova Norcia “Libertà è...

read more

ROBIN HOOD

Posted by on 24 Mag, 2019 in All, Articoli, Flash | 0 comments

ROBIN HOOD

Invece di dedicare qualche riga a temi molto più interessanti per la collettività, come ad esempio l’esito delle numerose vicende giudiziarie (vecchie e nuove) che lo vedono protagonista, un paio di testate giornalistiche hanno ritenuto opportuno intervistare direttamente il sindaco uscente Alemanno. In particolare la Nazione titola “io indagato perché non ho tradito i cittadini di Norcia” ponendolo alla stregua dell’eroe di Nottingham che tolse ai ricchi per donare ai poveri. La giornalista assurge il sindaco uscente a simbolo della lotta alla burocrazia chiedendogli se abbia mai avuto paura di mettere firme: “non mi sono mai potuto permettere di avere paura” sentenzia Alemanno. Chissà se tra queste possiamo annoverare quella apposta sull’autorizzazione, in deroga per l’emergenza sisma, volta ad installare il prefabbricato della Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona lungo via della Stazione? Ma non è tutto. L’intervistatrice, affrontando un tema largamente dibattuto in questi giorni, domanda PROPRIO ad Alemanno “se sarebbe opportuno abolire il reato di abuso d’ufficio”. Forse la giornalista non ha ben presente che il suddetto è sotto processo per aver avviato un cantiere senza permesso a costruire e senza la valutazione di incidenza ambientale, utilizzando le procedure semplificate per l’emergenza invece di quelle ordinarie, nonché per reati di tipo urbanistico, paesaggistico, oltre al falso in atti pubblici. Inoltre è inquisito per corruzione, peculato, turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Probabilmente non è la persona giusta cui rivolgere certi quesiti. La confessione si conclude con un Alemanno che si definisce “sereno, perché non ho mai assunto decisioni di carattere personale ma ho sempre fatto scelte a favore di Norcia“. Ma allora la vicenda dei famosi conti correnti, tanto per dirne una, come si spiega? Siamo certi che avrà modo e tempo per dibatterne nelle sedi opportune. Certamente sereno è chi vi scrive. Lo siamo perché in tutto questo tempo abbiamo SEMPRE riportato la verità suffragata da atti, documenti, ed elementi oggettivi inoppugnabili. Abbiamo scritto la verità fattuale e non, come goffamente raccontata da qualcuno, quella immaginaria, strumentale e artatamente mistificata. Questo ci consente di affermare che saremo comunque “vincitori” e da lunedì ci troverete ancora qui. Nuova Norcia “Libertà è...

read more

C’E’ DA SPOSTARE UNA MACCHINA

Posted by on 24 Mag, 2019 in All, Articoli, Flash, Riflessioni | 0 comments

C’E’ DA SPOSTARE UNA MACCHINA

Nell’autunno del 2015 l’automobile di rappresentanza Alfa 159 balzava agli onori della cronaca nell’ambito di un’interrogazione consiliare promossa dall’opposizione (cui seguì la replica della maggioranza) volta a chiarire i seguenti punti: – perché il libretto di marcia non risulta più in dotazione alla medesima? – quanti sono i km effettuati? – quali località ha raggiunto perché fosse veramente servita al pubblico interesse? – se non c’è più il libretto di marcia chi individua il conducente? – chi risponde di eventuali contravvenzioni o sinistri? Cercando qua e la per la rete, abbiamo constatato che è consuetudine degli Enti locali munirsi di un regolamento per la gestione e l’uso dei veicoli comunali; purtroppo nel sito del comune di Norcia non ci è stato possibile rinvenire tale documento. Abbiamo al contrario individuato il Decreto del Consiglio dei Ministri 25 settembre 2014 che fissa dei criteri per la determinazione del numero massimo e delle modalità di utilizzo delle autovetture di servizio. Giova ricordare comunque che il pubblico ufficiale che utilizza la strumentazione fornitagli (telefono, fotocopiatrice, autovettura) per i propri scopi commette il reato di peculato annoverato tra quelli che si definiscono “reati propri” ovvero commessi solamente da chi riveste una determinata carica, che è quella di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio. Chi commette ad esempio peculato per l’uso dell’auto di servizio rischia una reclusione da sei mesi ai tre anni se fa un utilizzo soltanto temporaneo della vettura: si tratta della forma “attenuata” di peculato, quella prevista per chi fa un uso solamente momentaneo del bene pubblico. Si presume, infatti, che chi utilizzi un’auto di servizio per scopi personali, soddisfatti questi, la restituisca. Si tratta, quindi, di un “prestito”, non di un’appropriazione vera e propria. Il rischio, però, è quello di incorrere nella forma più grave di peculato, quella punibile addirittura fino a dieci anni e mezzo di reclusione, quando l’uso dell’auto di servizio per scopi personali sia costante. In altre parole, se il funzionario pubblico utilizza saltuariamente e per poco tempo l’auto di servizio per interessi propri, incorrerà nel più lieve reato di peculato d’uso. Al contrario, il funzionario che utilizzi abitualmente l’auto di servizio per ragioni proprie, pur restituendo la vettura all’amministrazione (quindi, non portandosela a casa, se mai chiudendola pure nel garage), rischia il peculato vero e proprio, sanzionato molto più pesantemente. Così si è espressa la Corte di Cassazione, secondo cui chi utilizza l’auto di servizio come se ne fosse il proprietario, pur restituendola a fine giornata, commette peculato e non peculato d’uso. Dopo questa divagazione normativa, ci sia consentito di chiudere con un piccolo suggerimento ai consiglieri interroganti. In riferimento al punto uno “perché il libretto di marcia non risulta più in dotazione alla medesima” avete pensato di guardare nel vano adibito alla ruota di scorta, magari ci è caduto inavvertitamente? Nuova Norcia “Libertà è...

read more

GUARDIA DI FINANZA IN CITTA’

Posted by on 22 Mag, 2019 in All, Articoli, Flash | 0 comments

GUARDIA DI FINANZA IN CITTA’

Contrariamente al consueto modus operandi ci permettiamo di lanciare questo flash, cui daremo ulteriori approfondimenti nelle prossime ore, ma la notizia sembrerebbe davvero clamorosa. Se solo una parte di ciò che la città mormora in questi giorni fosse vera, se quanto certificato dagli organismi deputati non fosse un errore, allora forse, con senso di responsabilità, qualcuno dovrebbe chiarire il contenuto di certi atti recentemente notificati dalla polizia giudiziaria ed il significato delle contestazioni mosse. Facciamo pertanto appello al soggetto interessato e a tutti coloro che a vario titolo possano dare ulteriore linfa a quanto asserito. Unitamente chiediamo ai numerosissimi lettori di condividere e diffondere ad ogni livello il nostro spunto: i cittadini meritano rispetto e trasparenza. Nuova Norcia “Libertà è...

read more

PREZZEMOLO E …PINOCCHIO

Posted by on 19 Mag, 2019 in All, Articoli, Flash, Riflessioni | 0 comments

PREZZEMOLO E …PINOCCHIO

Penultima settimana di campagna elettorale quella appena conclusa, in cui il sindaco uscente pluri-inquisito Nicola Alemanno ci ha voluto regalare ancora qualche PERLA perfettamente in linea col proprio mandato amministrativo. La prima in ordine temporale è quella inerente la sostituzione dei prefabbricati che avrebbero dovuto ospitare per un solo anno gli studenti delle scuole superiori, con la nuova scadenza fissata per il 30 maggio. Ebbene la Dirigente Scolastica Rossella Tonti, visto il totale immobilismo, si è rivolta dapprima al sottosegretario Vito Crimi in occasione della sua visita a Norcia, poi al commissario straordinario Farabollini ed infine niente meno che al Presidente della Repubblica Mattarella “chiedendole ancora una volta il Suo prezioso e inestimabile interessamento“. E l’amministrazione comunale? A giochi fatti ha diramato una nota nella quale “esprime soddisfazione per lo sblocco dei fondi per la rimozione e la sostituzione dei container che ospitano le classi dell’Istituto d’istruzione superiore R. Battaglia” ed ancora “l’obiettivo raggiunto è ulteriore dimostrazione che quando le Istituzioni collaborano, si raccolgo risultati favorevoli alla nostra Comunità“. Ora non abbiamo ben compreso in cosa si sarebbe concretizzata la collaborazione del sindaco e della sua amministrazione e come mai la Dirigente scolastica non ha pubblicamente menzionato gli stessi ringraziandoli del sostegno ricevuto? Secondo episodio degno di nota è la riqualificazione dell’Ospedale civico. Il sindaco uscente Alemanno, in un video elettorale apparso nella sua pagina facebook ha testualmente dichiarato “la conclusione dei lavori del nuovo Ospedale è stata annunciata per il 2021, finanziato per 4 milioni di euro e che vedrà all’interno un reparto di microchirurgia, un reparto di medicina, lo spostamento delle RSA da Cascia a Norcia, i poliambulatori, il 118, e l’elisoccorso”. E proprio l’ipotetico trasferimento della R.S.A. (residenza sanitaria assistenziale) dal nosocomio casciano al capoluogo della Valnerina ha provocato la reazione del sindaco della città di Santa Rita il quale ha replicato senza mezzi termini definendo “tale informazione totalmente infondata”. Chiudiamo con l’evento organizzato in data venerdì 17 dalla lista elettorale rispetto per Norcia nella tendo-struttura dell’ex stadio comunale. Ebbene a quanto apprendiamo sembrerebbe che la lista Noi per Norcia avrebbe richiesto all’ufficio comunale preposto, l’utilizzo della medesima location per lo svolgimento di una manifestazione seguendo le prescrizioni impartite dalla delibera di giunta comunale n. 71 del 15/4/2019 che disciplina appunto l’uso dei locali in campagna elettorale. Il Comune ha replicato scrivendo che la suddetta, era già stata assegnata per lo svolgimento di due manifestazioni: la prima di natura elettorale, dalle ore 21:30 alle ore 23:00 e la seconda dalle ore 23:00 in poi per una festa privata che CONTRARIAMENTE A QUANTO APPARSO SUI SOCIAL sono state pubblicizzate come unico evento dal titolo Rispetto per Norcia il Party con svolgimento dalle ore 19:00 alle ore 01:30 del giorno successivo. Come mai, malgrado la suddetta delibera imponga che le iniziative debbano avere durata massima di un’ora e mezza con termine perentorio entro le 23:00, il sindaco uscente pluri-inquisito Nicola Alemanno ha potuto usufruire, contrariamente alle regole, di un bene collettivo per oltre 6 ore? Raccogliendo la simpatica affermazione di qualcuno, siamo certi che trattasi di Rispetto e non Dispetto per Norcia? Nuova Norcia “Libertà è...

read more

QUESTIONE MORALE, COERENZA E SQUADRISMO

Posted by on 13 Mag, 2019 in All, Articoli, Flash, Riflessioni | 0 comments

QUESTIONE MORALE, COERENZA  E SQUADRISMO

Ci sia consentito di riportare alcuni dati: Nuova Norcia ha all’attivo 182 Post (tutti inerenti la vita politica locale)  97.000 visualizzazioni di pagina, 17.892 utenti del sito internet, oltre a 1.490 follower nella pagina Facebook. A margine di questa enorme attività che perdura da oltre sette anni, non abbiamo assistito nemmeno ad una smentita ufficiale, ad un’azione volta a confutare l’infondatezza di quanto da noi asserito o magari una denuncia – querela per diffamazione. Nulla di tutto questo. Il massimo delle obiezioni è stato “perché non ci mettete la faccia” oppure “chi si cela dietro Nuova Norcia” e ancora “perché non firmate gli articoli”? Ebbene come abbiamo sempre dichiarato, preferiamo anteporre al chi lo scrive il cosa si scrive. Se ad esempio riportiamo che il sindaco uscente Alemanno è imputato in due processi penali, non è che firmando i post non lo sarebbe più. In termini di condotta morale riteniamo di essere ineccepibili. Incensurati, mai inquisiti o indagati ma non solo: rispettiamo la magistratura, i giudici e le sentenze, non come qualcuno che ingiuria i suddetti mascherando il proprio operato maldestro dietro fantomatici attacchi personali, fingendosi vittima ancorché carnefice. La nostra linea di demarcazione è stata netta, abbiamo condannato e ritenute deplorevoli certe condotte perpetrate dall’intestatario del dominio, definendo inappuntabile e giustificata la condanna dallo stesso ricevuta. Ci chiediamo, quando l’elettorato del sindaco uscente Alemanno farà lo stesso? Possibile che le questioni morali valgano solo per gli altri? Un individuo con l’attuale curriculum giudiziario del sindaco uscente, incarna quella figura serena rispettabile ed onorabile che la nostra comunità meriterebbe? Occorre coerenza nei giudizi e nei comportamenti. In caso contrario trattasi di squadrismo, letteralmente “fenomeno politico-sociale caratterizzato dall’attività di violenti che operano senza scrupolo alcuno, con intimidazioni contro le organizzazioni politiche democratiche”. Non torneremo più ad occuparci di argomenti che distolgono l’attenzione da ciò che più conta ovvero l’operato dell’amministrazione uscente e le ricadute sulla collettività. Giova ricordare a tal proposito come i nostri governanti si siano resi protagonisti di un ingiustificato quanto inopportuno aumento di stipendio (delibera n. 50 del 26 aprile 2017) unitamente allo spropositato incremento di disponibilità mensile della carta di credito istituzionale ad uso del sindaco (delibera n. 26 del 16 marzo 2017). Come non bastasse, in barba alle polemiche sollevatesi a mezzo stampa l’amministrazione ha deliberato delle spese su cui vorremmo porre la vostra attenzione e che a nostro parere, al pari di quelle sopra menzionate, sono sconvenienti ed inadeguate. Ci riferiamo nello specifico a quelle relative all’Estate Nursina 2017 la cui gestione, come da determina n. 26 del 08 agosto 2017 è stata affidata alla Pro Nursia per un importo pari ad € 45.000,00 Ebbene, col rischio di apparire populisti, non possiamo che rimarcare come in un momento di straordinaria difficoltà, con enormi fette di popolazione senza casa e lavoro, costrette ad arrangiarsi autonomamente in attesa di un contributo che, nel migliori dei casi, e’ stato corrisposto con molti mesi di ritardo, c’è chi ha pensato di destinare un ingente patrimonio per spettacoli di intrattenimento. L’amministrazione Alemanno ha continuato, con o senza terremoti, ad elargire migliaia di euro alla Pro Nursia, associazione di cui ci eravamo già occupati in passato (leggere post Pro e contro Nursia) affidandole nel biennio 2014/2015 qualcosa come € 117.564,00 per poi proseguire durante tutto il 2016 con ulteriori €...

read more