Posts by Nuova Norcia

HACKERATO

Posted by on 22 Mar, 2021 in All, Articoli, Flash | 0 comments

HACKERATO

L’uso personalistico e bizzarro della lingua italiana, da sempre perpetrato dai governanti locali, è ormai risaputo. Tanto per intenderci, riportiamo di seguito qualche esempio: un amministratore che per logiche clientelari antepone il bene di pochi a quello della collettività viene definito benefattore. Un sindaco che consapevolmente aggira delle leggi di natura urbanistica è un semplificatore. Il pubblico ufficiale sottoposto a procedimenti penali è un perseguitato. Dopo questa breve premessa, veniamo alla cronaca recente tenendo sempre a portata di mano il dizionario dei politicanti nursini. A precisa domanda, se è vero che il segretario sia in procinto di lasciare il suo incarico presso il Comune di Norcia, il sindaco Alemanno risponde cosi ad un interrogazione della minoranza: “il segretario è in procinto di lasciare il suo incarico a causa di problematiche personali di natura organizzativa e logistica dovute alla complessità della gestione post-sismica”. A metà strada tra la supercazzola ed una canzone di Battiato, era lecito attendersi maggiore chiarezza. Come non bastasse, sempre replicando ad un’interrogazione circa voci che si sono sparse in città riguardo a dimissioni di dirigenti, il primo cittadino scrive “per quanto riguarda le dimissioni di dirigenti non ci permettiamo di entrare nel merito delle scelte individuali o professionali poiché riteniamo che sia irrispettoso e fuori luogo invadere la sfera privata delle persone”. Ora bisognerebbe informare il signor Alemanno che non presiede un torneo amatoriale di burraco e che un dirigente è un lavoratore dipendente di una amministrazione pubblica in possesso di apposita qualifica e incaricato di dirigere un ufficio. Trattasi pertanto di risposta maldestra ed evasiva volta, evidentemente, ad aggirare qualche scomoda verità. Stesso dicasi per l’episodio inerente l’avvenuta vaccinazione da Covid del sindaco medesimo, unico politico umbro fatta eccezione per la consigliera regionale Porzi, il quale ha riferito che le polemiche sorte rappresentano solo un “maldestro tentativo di detrattori senza scrupoli e di essere stato vaccinato per gestire l’emergenza”. Ma se Norcia conta 75 casi di positività, al pari di città quali Marsciano e Umbertide che vantano però il quadruplo degli abitanti, non sarà il caso di rivolgersi a qualcun’altro per gestire l’emergenza? Comunque ha concluso Alemanno “in questi anni l’amministrazione comunale ha dimostrato di non aver mai piegato le istituzioni ad interessi personali o di parte e così è stato anche in questa circostanza“. Appunto!   Nuova Norcia “Libertà è...

Read More

Sempre più in basso

Posted by on 24 Feb, 2021 in All, Articoli, Flash | 0 comments

Sempre più in basso

Apprendiamo dal sito internet del gruppo di minoranza Noi per Norcia come “questi giorni in città si è sparsa la voce che il Segretario Comunale avrebbe lasciato il suo incarico presso il Comune di Norcia“. Il segretario in questione è Vincenzo De Cesare in carica dal 01 settembre 2014, di cui il sindaco Alemanno scriveva “do il benvenuto al dottore De Cesare, che ha tutti i requisiti per poter ben dirigere la macchina burocratico-amministrativa del nostro Comune. La sua pluriennale esperienza sarà una risorsa importante per supportare l’operato della Giunta“. Ricordiamo che in base a quanto sancito dall’articolo 99 del Testo Unico Enti Locali il segretario viene nominato dal sindaco, da cui dipende funzionalmente, che lo sceglie tra gli iscritti all’albo non prima di 60 giorni dalla data del proprio insediamento. Riassumendo brevemente le sue mansioni, Egli fornisce assistenza giuridica agli organi del Comune per garantire che gli atti siano conformi alle norme di legge, allo Statuto e alle procedure amministrative. E’ pertanto evidente come lo stesso lavori a stretto contatto con il primo cittadino partecipando tra l’altro alle adunanze del Consiglio e della Giunta Comunale ed esprimendo pareri sugli atti per i quali può anche fornire suggerimenti. Sulla base di quanto sopra descritto e vista la storia recente dell’amministrazione comunale, subissata di procedimenti penali, stupisce leggere che per il gruppo di minoranza Noi per Norcia “il Segretario De Cesare nei suoi anni di lavoro presso il Comune di Norcia ha svolto un egregio lavoro“. Se non ricordiamo male fu proprio l’opposizione a lamentare nel luglio del 2019 la mancata concessione di atti amministrativi da parte dell’Ente, motivo per cui si paventarono addirittura degli esposti! Ed ancora, nel dicembre del 2020 fu ancora la minoranza ad evidenziare come, al contrario di quanto accaduto, gli atti dovessero essere messi a disposizione dei singoli consiglieri almeno 48 ore prima dello svolgimento della riunione poiché trattasi di un requisito essenziale per la legittimità delle delibere consiliari. A questo punto una domanda sorge spontanea: tali legittime rimostranze non sono riconducibili proprio alla mancata attività di coordinamento e controllo dei dirigenti e degli uffici comunali facenti capo al segretario comunale? Ed ancora, poteva il segretario nell’esercizio delle proprie funzioni, fornire dei pareri giuridici circa la conformità e la regolarità di delibere inerenti “Casa Ancarano” “Centro Boeri” “Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona” solo per citarne alcune? Alla faccia dell’egregio lavoro… Magari l’avrà fatto. Probabilmente avrebbe potuto insistere di più. Forse le sue dimissioni, laddove confermate, rappresentano proprio una plateale presa di distanze da un’amministrazione comunale ormai fuori controllo? Alla prossima puntata. Nuova Norcia “Libertà è...

Read More

MONEY

Posted by on 13 Dic, 2020 in All, Articoli, Flash | 0 comments

MONEY

Che fossimo amministrati da un pluri inquisito, incapace ed in mala fede era chiaro da tempo. Invece di nascondersi dalla vergogna per aver contribuito tra l’altro a rinchiudere la propria gente dentro baracche putride e malsane, continua ad ostentare sfrontatezza attraverso atti discutibili e inopportuni. E’ il caso della delibera di Giunta n. 160 del 23/11/2020 atraverso la quale il governo cittadino destina alle iniziative del Natale nursino ben 24.000 €uro. Tra le motivazioni che giustificano tale esborso leggiamo: “al fine di creare momenti di intrattenimento e spensieratezza tipici delle festività natalizie, appare opportuno realizzare eventi, spettacoli pirotecnici, musicali e brindisi di mezzanotte in Piazza a capodanno con tutta la cittadinanza“. Come non bastasse si scrive che tali eventi “non rappresentano solo momenti di spensieratezza ma fungono anche da attrattori verso gli operatori economici che, in considerazione del disagio determinato dalla pandemia, vivono una gravissima situazione economica“. Francamente siamo sconcertati! Ma in che pianeta vivono questi amministratori e di quale spensieratezza parlano? Loro per primi dovrebbero sapere come tutti i D.P.C.M. e le ordinanze regionali in tema di contenimento della pandemia rendano impossibili assembramenti, feste in piazza, brindisi collettivi o quant’altro. Con il blocco degli spostamenti tra regioni e addirittura tra comuni non è ben chiaro poi chi dovrebbero attrarre questi fantomatici eventi e che forma di sostegno rappresentino per gli operatori economici!   Ma veniamo alla frazione di Ancarano (leggere precedente post Emergenza). Dopo il sequestro del nascente centro polifunzionale avvenuto nel 2018, il sindaco e la Giunta comunale attraverso la delibera n. 146 del 02/11/2020 hanno deciso di devolvere alla comunanza agraria locale 10.000 €uro quale contributo straordinario per la realizzazione di una struttura socio ricreativa. Nella delibera si scrive che ad Ancarano “non esiste un centro pubblico di aggregazione per la comunità né un luogo di ristoro dove poter riunire tutti gli utenti“. Forse ci sfugge, ma in quale altra frazione del comune di Norcia esiste tale centro? Tra l’altro se ad Ancarano non esiste una simile struttura è per esclusiva responsabilità del sindaco reo di aver aggirato la legge eludendo la mancata concessione del nulla osta ad edificare con una norma inapplicabile, oltre ad aver avviato il cantiere senza permesso a costruire e valutazione di incidenza ambientale. In attesa che il processo penale giunga al termine del primo grado di giudizio, non sarà che queste strenne natalizie servono a non perdere ulteriore consenso e rimediare ai propri errori? Frazioni di Norcia mobilitatevi, magari ci sono diecimila euro anche per voi. Nuova Norcia “Libertà è...

Read More

RUBBETTINO

Posted by on 28 Ott, 2020 in All, Articoli, Riflessioni, Sviluppo Economico | 0 comments

RUBBETTINO

Pensavamo di averle viste tutte, invece dobbiamo assistere pure alla presentazione del libro di Nicola Alemanno dal titolo “Doppia zona rossa”. Inizialmente credevamo si trattasse di un romanzo erotico, oppure un testo per allenatori di calcio, il titolo richiama vagamente la famigerata bi-zona di Oronzo Canà. Trattasi invece di un componimento auto biografico incentrato sugli anni post sisma. Da qui la prima considerazione: caro Sindaco guardi che qui la zona rossa non è solo doppia anzi, dopo quattro anni riguarda ancora gran parte del territorio comunale! A coloro che sono rimasti sorpresi di questa inaspettata vena scrittoria del primo cittadino, vorremmo ricordare come egli non sia nuovo alla redazione di certe opere. Attraverso i suoi programmi elettorali infatti si è da sempre distinto nella stesura di favole per bambini. Con questo testo però ha voluto superarsi raccontando “gli avvenimenti che negli ultimi anni hanno segnato la mia vita e quella della comunità“. E c’è subito chi avrà pensato, ma allora leggeremo dell’intera vicenda inerente la Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona? Ed anche la storia dei permessi rilasciati per la costruzione del Centro Boeri, di Casa Ancarano e della nuova sede Pro Loco? E proprio in merito alla realizzazione di quest’ultima, al sindaco Alemanno è stato recentemente notificato l’ennesimo rinvio a giudizio per reati urbanistici, abuso d’ufficio e falso. Del resto, come poteva sapere che l’area dove ha autorizzato la costruzione, tra l’altro palesemente temporanea, è soggetta a vincoli? Tornando al libro, dal sito internet della casa editrice si fa anche mensione del Coronavirus: “per Norcia un’emergenza nell’emergenza che, per fortuna, è arrivata più attraverso i D.P.C.M. che attraverso i contagi”. Ma se a ieri i nuovi positivi erano 26 e l’intero ufficio urbanistica è chiuso causa l’isolamento fiduciario dei dipendenti, di quale Norcia si parla ? Nuova Norcia “Libertà è...

Read More

L’ALTRO FESTIVAL

Posted by on 26 Ott, 2020 in All, Articoli, Riflessioni | 0 comments

L’ALTRO FESTIVAL

La riconversione dell’Ospedale di Spoleto in presidio Covid sta catalizzando l’attenzione dell’opinione pubblica la quale tra sciocchi campanilismi e manipolazioni pseudo-politiche, assume posizioni tal volta surreali. Sui social imperversano schermaglie tra chi caldeggia proteste al fianco degli spoletini e chi fa notare come, a parti invertite, gli stessi non abbiano mosso un dito per fare fronte allo smantellamento del nosocomio nursino. Ecco a tal proposito ci piacerebbe capire: chi sono quelli che lo hanno fatto? Dove erano coloro che oggi godono per il destino del San Matteo degli infermi quando a Norcia si protraeva lo stillicidio che ha portato, ben prima del sisma, allo smantellamento dell’Ospedale Civico? Per quanto ci riguarda già nel lontano 2012 avemmo il piacere di ospitare sulle nostre pagine l’illustre parere del Dottor Antonio Bellezza il quale con i post “Sanità”e “Cosa succede nella sanità umbra” ci offriva uno spaccato a dir poco preoccupante. Successivamente, con i post “Ospedale” “Ospedale parte seconda” e “Caravan Petrol” abbiamo sempre cercato di mantere alta l’attenzione sul tema. Ebbene non ci sembra di ricordare che spoletini, nursini (tranne pochissimi), politici locali o regionali abbiano mosso passi concreti affinché la situazione non degenerasse. L’ospedale ha sempre e solo rappresentato uno spot elettorale. Non più tardi di un anno fa Nicola Alemanno dichiarava testualmente “la conclusione dei lavori del nuovo Ospedale è stata annunciata per il 2021, finanziato per 4 milioni di euro e che vedrà all’interno un reparto di microchirurgia, un reparto di medicina, lo spostamento delle RSA da Cascia a Norcia, i poliambulatori, il 118, e l’elisoccorso”. Purtroppo si continua a parlare di cantieri, fantomatici milioni ma poi nella realtà dei fatti il nulla! In questo scenario il 22 ottobre scorso la giunta comunale di Norcia ha deliberato un atto in cui, come di consueto, tiene il piede su più staffe regalandoci pagine e pagine di inutili banalità. In apertura si premette che “l’Ospedale di riferimento per tutti i servizi sanitari oggi non rilasciati dall’ospedale di Norcia è quello di Spoleto”. Al contempo si sottolinea come “la scelta dell’ospedale di Spoleto quale presidio Covid è significativa rispetto ad altre strutture sia per posizione geografica sia perché completo di figure specialistiche h 24”. Infine “il sindaco si impegna a sostenere la città di Spoleto per la salvaguardia e valorizzazione della struttura ospedaliera di Spoleto durante e dopo la fine dell’emergenza sanitaria legata al Covid 19”. Tralasciando l’evidente stato confusionale un ultimo pensiero: cari amici spoletini, se si IMPEGNA come ha fatto e sta facendo per Norcia… state freschi!   Nuova Norcia “Libertà è...

Read More