Castelluccio

Posted by on 13 Feb, 2018 in All, Articoli, Riflessioni, Turismo | 0 comments

Castelluccio

Sono mesi che ci si interroga circa il destino della più nota tra le frazioni del comune di Norcia, località conosciuta in Italia e nel mondo, polo turistico di primaria importanza per l’intera regione nonché realtà produttiva trainante del settore agro alimentare.

Diverse le proteste susseguitesi nell’ultimo anno a cominciare dai commercianti, i ristoratori, gli agricoltori locali, preoccupati del perdutante immobilismo che ha reso di fatto Castelluccio un paese fantasma ed irraggiungibile.
Ebbene, a tutti loro ci sentiamo di dire STATE TRANQUILLI, avete a disposizione gli amministratori giusti per perorare le vostre istanze nelle sedi opportune.

Già in data 30 dicembre 2014, ben due anni prima del devastante sisma, attraverso la determina n. 53 l’Ente erogava € 39.500,00 più I.V.A. alla società Caire Urbanistica volti alla realizzazione di un “Quadro Strategico / Master Plan, riferito a possibili interventi da realizzarsi nell’area del Parco Nazionale dei Monti Sibillini necessari per la realizzazione di eventuali opere utili alla valorizzazione, all’accesso ed alla fruizione sostenibile del bacino di Castelluccio e, in particolare, del Piano Grande”.
Non abbiamo mai compreso quali siano stati questi possibili interventi o le opere da realizzare nel bacino di Castelluccio. Quello che invece ci è apparso da subito molto chiaro è il nome della società beneficiaria del contributo ovvero la suddetta Caire Urbanistica.

A seguito di accurate ricerche, cosi come da nostro precedente post “L’amico dell’amico” scoprimmo che Nicola Alemanno, amministratore unico del gruppo Omnigis e della controllata Omnilab srl risultava, unitamente alla Caire Urbanistica, COMPROPRIETARIO di un’altra società denominata UNISKY srl specializzata in servizi tecnologici integrati.

Il suddetto contributo fu oggetto, soltanto in data 20 ottobre 2015, di un’interrogazione a firma delle minoranze consiliari nella quale si chiedeva tra l’altro “se il sindaco era a conoscenza del fatto che tra i soci della Unisky s.r.l. vi erano la Caire Urbanistica e la Omnigis s.r.l. di Norcia di cui Alemanno è amministratore unico” ed ancora “come pensa di rimuovere l’evidente conflitto di interessi creatosi per avere affidato il comune di Norcia un incarico ad una azienda con cui il sindaco stesso è in società?

Vi invitiamo a prendere visione delle fantasiose risposte all’interrogazione addotte dal primo cittadino sottolineando come 48.190,00 € di soldi pubblici avrebbero potuto trovare una destinazione più utile e trasparente.

Nuova Norcia
Libertà è partecipazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *