Sviluppo Economico

Tutti gli articoli di Nuova Norcia inerenti lo Sviluppo Economico

Sbilanciati

Posted by on 28 Mag, 2016 in Agricoltura, All, Ambiente, Arte, Articoli, Cultura, Istruzione, Media, Salute, Sport, Sviluppo Economico, Turismo | 0 comments

Sbilanciati

Maggioranza, opposizione, cittadini, conti pubblici, mai termine fu più appropriato. Ebbene si, proprio nel periodo dell’anno deputato all’approvazione dei bilanci dell’Ente lo sbilanciamento appare palese ed irreversibile: proviamo a spiegarvi il perché. Nella seduta di consiglio comunale del 29 aprile ultimo scorso, il governo locale ha provveduto attraverso la delibera n. 8 ad approvare il conto consuntivo 2015 pubblicizzando a mezzo stampa i grandiosi risultati conseguiti che hanno portato, sempre a detta del sindaco, “un avanzo di amministrazione di oltre 2 milioni e 800 mila euro – di cui 1,8 vincolati – ed un fondo pluriennale vincolato di gran lunga superiore al milione di euro” (vedasi situazione finanziaria riassuntiva). E qui già ravvisiamo le prime anomalie. Come fatto notare da un comunicato a firma del locale circolo PD, la relazione del revisore dei conti accertava un avanzo di € 2.866.195,61 mentre la Giunta ne cristallizzava uno di € 4.275.515,74 (vedere allegato quadro riassuntivo gestione finanziaria). A ben vedere però la relazione al rendiconto consuntivo elaborata dalla Giunta Alemanno (pag. 73 – 77) a distanza di poche pagine riporta due importi diversi: dapprima si afferma che l’avanzo corrisponde ad € 4.497.494,30 mentre successivamente € 4.782.249,66 …qual’è l’importo giusto? Ora le cose sono due: o il revisore dei conti, che ricordiamo come da determina n. 32 viene lautamente retribuito dal comune di Norcia, ha certificato il falso oppure l’amministrazione sta imbrogliando cittadini e organi di vigilanza. In pari data, il consiglio avrebbe dovuto approvare anche il preventivo 2016 ma attraverso la delibera n. 1 si è preferito rinviare la discussione al 17 maggio attribuendo tale posticipazione alle complesse modifiche normative recentemente introdotte dal governo Renzi. L’approvazione del preventivo 2016 è comunque arrivata a nostro modesto parere attraverso un altro virtuosismo dell’amministrazione comunale la quale, per brevità e senza volerci addentrare in tecnicismi, ha fatto quadrare i conti appostando in bilancio la vendita degli impianti di distribuzione del gas naturale di proprietà comunale. (…e la minoranza?) Attraverso la delibera n. 65 del 09 maggio 2016 infatti, la Giunta comunale ha ritenuto arbitrariamente e basandosi su calcoli prematuri ed approssimativi, di attribuire quale eventuale valore da riconoscere al Comune di Norcia, l’importo di € 1.219.600,17. Riteniamo che la gravità di questo atto, da un punto di vista politico nonché contabile amministrativo, sia ENORME! Ci sia consentita inoltre una considerazione che molti potrebbero considerare “populista”: dopo l’acqua, la nettezza urbana, la rete del gas alla fine arriveranno a svendere pure la statua di San Benedetto e la Castellina! (Sopratutto visto l’opposizione a dir poco “blanda” delle minoranze) Vi invitiamo comunque a leggere alcuni link che abbiamo allegato al presente post al fine di comprendere meglio questo ulteriore abominio che i nostri governanti stanno perpetrando sopra le teste di cittadini inermi mai sufficientemente aggiornati o coinvolti in scelte che riguardano la propria vita e quella delle generazioni future. Alla faccia del “rispetto per Norcia”! Auspichiamo una ferma presa di posizione dei gruppi di opposizione consigliare (Norcia nel Cuore e Cambiamo insieme il futuro) affinché si rivolgano a tutti gli Enti sovraordinati e agli organi preposti affinché vengano prontamente ripristinate trasparenza e legalità in un comune da troppo tempo avvolto nella nebbia!   Chiudiamo con un ultimo dato che fornisce l’idea circa lo stato di salute delle casse comunali: l’indicatore di tempestività dei pagamenti ovvero il ritardo medio di pagamento ponderato in base all’importo delle fatture. Per calcolarlo occorre inserire al numeratore la somma dell’importo di ciascuna fattura pagata nel periodo di riferimento moltiplicato per i giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura stessa e la data di pagamento ai fornitori, al denominatore la somma degli importi di tutte...

Read More

Sodoma

Posted by on 9 Mag, 2016 in All, Ambiente, Arte, Articoli, Sviluppo Economico | 0 comments

Sodoma

Visti i clamorosi sviluppi ed in attesa di ulteriori nuovi, intendiamo occuparci del “caso” relativo allo sbancamento operato su area vincolata sita in localita’ Colle dell’Annunziata. Ma andiamo per ordine, cominciando innanzitutto a definire cosa sia un piano di lottizzazione. Esso rappresenta uno strumento urbanistico che si realizza per urbanizzare nuove aree e completare l’edificazione nelle zone di espansione; è approvato dal consiglio comunale (nello specifico attraverso la delibera n. 67 del 27 novembre 2000) su richiesta della parte proprietaria dell’area da lottizzare. Specifichiamo, sempre per chiarezza, che in questo caso la parte interessata/proprietaria risponde al nome di Carucci Maria defunta madre dell’attuale assessore nonche’ vice sindaco PIETRO LUIGI ALTAVILLA. Per la sua attuazione venne stipulata una convenzione (in data 13 dicembre 2001) in cui i lottizzandi si impegnarono a cedere gratuitamente le aree per la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria (strade, fognature, luci, acquedotti) e a corrispondere gli oneri per la realizzazione completa dell’urbanizzazione. Successivamente venne rilasciata la concessione edilizia (n. 6593 del 02 dicembre 2002) e si diede inizio ai lavori (28 aprile 2003). In data 27 agosto 2012 dodici proprietari dei vari lotti (tra cui il sindaco ALEMANNO e il vice-sindaco ALTAVILLA) richiederono una variante al piano di lottizzazione originario, incaricando come progettista e co-progettista gli architetti Saviani Sabatino e Giamogante Elena. Come evidenziato nella relazione tecnica il motivo per cui, a distanza di tanti anni, si sia dovuto procedere ad una variante del piano di fabbricazione e’ esplicitato a pagina 1 della medesima quando si scrive testualmente che vi sono stati “sconfinamenti di proprietà private e tracciati di strade comunali eseguiti su particelle catastali diverse da quelle appositamente individuate e frazionate”. Per porre rimedio i tecnici individuano una serie di soluzioni che per brevita’ non riportiamo ma che, a quanto si legge, non modificano nella sostanza il piano originario e non comportano modifiche agli standard urbanistici. A seguito di scavi operati nella medesima area pero’, sono state ritrovate strutture archeologiche di carattere abitativo risalenti ad epoca romana tardo repubblicana per la quale il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha emesso un vincolo diretto su parte del lotto di 547 mq. Pertanto il comune ha si autorizzato l’adozione della variante al piano di lottizzazione attraverso la delibera di Giunta n. 22 del 26 febbraio 2014, ma con una serie di prescrizioni cosi come indicato dalla Soprintendenza per i beni Archeologici dell’Umbria. Successivamente, attraverso la delibera n. 18 del 02 febbraio 2015 la Giunta Comunale (in cui figurano assenti il sindaco Alemanno Nicola ed in suo vice Altavilla Pietro Luigi) approvo’ la variante definitiva al piano di lottizzazione impegnandosi altresi’ a far rispettare le prescrizioni impartite dalla Soprintendenza. Il resto e’ storia recente. A margine di controlli eseguiti da suoi funzionari, la Soprintendenza trasmette la sospensione lavori al comune di Norcia il quale, attraverso l’ordinanza n. 30 del 29 aprile 2016 dispone l’immediata sospensione alle opere di completamento poiche’ eseguite in assenza di apposito progetto autorizzato su un’area vincolata. A seguito dei corposi articoli apparsi sui maggiori quotidiani locali, il sindaco Alemanno ha affidato la propria replica ad un video apparso sul nuovo canale You Tube del comune di Norcia, di cui ci permettiamo di contestarne fermamente i contenuti e piu’ precisamente: non ci e’ parso di notare un particolare uso di condizionali all’interno dell’articolo della giornalista Fratepietro al contrario estremamente diretta e precisa; non ci risulta che la stessa Fratepietro, ne’ la stampa in generale, abbia mai messo in discussione l’operato del Sig. Alemanno nel corso degli ultimi due anni; nel novembre del 2014 l’allora assessore all’urbanistica Cristina Sensi enfatizzo con una propria...

Read More

Mostra o Mostro?

Posted by on 27 Feb, 2016 in All, Arte, Articoli, Flash, Sviluppo Economico, Turismo | 1 comment

Mostra o Mostro?

All’indomani del pittoresco botta e risposta tra la testata giornalistica Spoletonline e l’amministrazione comunale di Norcia, non potevamo esimerci dal pubblicare il presente post. In data 24 febbraio il giornalista Daniele Ubaldi scriveva: “cosa succede a Nero Norcia”? Francamente tale quesito ce l’eravamo posto già lo scorso anno quando l’amministrazione comunale affidò ad un dipendente ASL (Massimo Zamponi) se non ricordiamo male infermiere, la direzione artistica della manifestazione agro alimentare più longeva ed importante del centro Italia, con l’intento di “permettere a Nero Norcia di abbandonare la sua dimensione interregionale per proporsi sin da subito alla ribalta nazionale e con il tempo, con una azione dal respiro pluriennale, anche a quella internazionale. Spettacoli teatrali, concerti musicali, artisti di strada e party mondani, tutti rigorosamente ispirati al territorio che li ospiterà, saranno l’anima del nuovo corso che a sua volta andrà ad impattare anche sulla parte mercato, riorganizzata in funzione degli spettacoli e degli eventi che si susseguiranno”. L’ unico dato certo, al di la della riuscita o meno della manifestazione il cui giudizio spetta a visitatori ed operatori che vi hanno preso parte, è il quadro di spesa approvato attraverso la delibera n. 59 dalla quale apprendiamo che i costi per la realizzazione della kermesse ammontarono ad € 169.236,00! Tra le voci più interessanti ci piace ricordare la cena di gala tenutasi in data 27 febbraio 2015 presso il complesso monumentale di San Francesco costata, come si evince dalle determine 162 e 163 del 19 novembre 2015, oltre 12.000,00 €! Ma torniamo all’accorato articolo di Daniele Ubaldi il quale, oltre a decantare professionalità e competenza dello Zamponi non omettendo di esternare il proprio disappunto per il “taglio” ed i continui boicottaggi dallo stesso subiti, avanza ipotesi e congetture tra le quali: chi è il nuovo guru della Mostra e come ha fatto a farsi conferire la direzione artistica di un evento organizzato da una pubblica amministrazione senza una regolare gara di affidamento? Bene, bella domanda. Ora che ci siamo però, vediamo anche quella dello scorso anno, cosi magari le mettiamo a confronto. All’atto di accusa mosso da Spoletonline, ha prontamente replicato l’amministrazione comunale di Norcia in data 25 febbraio per il tramite dei sindaco Alemanno e dell’assessore Boccanera i quali, motivando il mancato rinnovo della collaborazione con lo Zamponi a causa dell’eccessivo ritardo da parte dello stesso nella stesura del programma definitivo, si dicono dispiaciuti per aver subito un vile attacco proprio da chi è sempre stato “amico” dell’attuale amministrazione e di cui, aggiungiamo noi, ne è stato sponsor, cassa di risonanza e strumento di propaganda per anni! Tornando a Nero Norcia 2016 quello che possiamo comunicare come dato certo è il quadro di spesa; attraverso la lettura della delibera n. 3 del 18 gennaio 2016 apprendiamo infatti che il budget complessivo ammonta ad € 174.000,00! Auguriamoci almeno che tra direzioni artistiche, cene di gala, spettacoli, sfilate, giocolieri, clown, comici, serate disco, trovino spazio anche i prodotti che da sempre caratterizzano e muovono l’economia del nostro territorio, la cui tutela e salvaguardia sembra sia l’ultimo dei problemi di chi ci amministra. Chiudiamo con una notizia a nostro avviso esilarante: la 53^ mostra mercato del tartufo nero parte dalla legalità. Attraverso un convegno tenutosi presso il teatro civico venerdi 26 febbraio alle ore 10:30, i relatori intervenuti ed il sindaco Alemanno hanno voluto sottolineare come la LEGALITA’ appunto “…è un valore fondamentale della vita quotidiana e un obbligo che deve caratterizzare l’azione amministrativa” ed ancora “i Comuni si impegneranno a porre in essere mirate azioni di vigilanza nell’assegnazione degli appalti pubblici.” Mah… Nuova Norcia “Libertà è...

Read More

PRO (e contro) NURSIA

Posted by on 22 Feb, 2016 in All, Ambiente, Arte, Cultura, Flash, Sport, Sviluppo Economico, Turismo | 0 comments

PRO (e contro) NURSIA

Durante la prima amministrazione Alemanno, lo ricorderete, il compito di “lunga mano” circa l’organizzazione di eventi, spettacoli, lotterie e quant’altro era demandato alla Pro Loco di cui nel tempo si sono perse le tracce (anche se risulterebbe attivo un non meglio identificato sito internet…). A distanza di qualche anno, il ruolo vacante è stato prontamente colmato dalla PRO NURSIA costituitasi all’indomani dell’insediamento a palazzo del governo cittadino. A ben vedere, al di la della “latinizzazione” del nome, le modalità d’intervento sembrerebbero assolutamente identiche! Avevamo già avuto modo di sottolineare che in circa tre anni e mezzo (giugno 2004 – gennaio 2008) l’allora amministrazione erogò a favore dalla Pro Loco Norcia € 164.735,51 di FONDI PUBBLICI oltre alla concessione di strutture, locali, etc… Ebbene la Pro Nursia, in meno della metà del tempo ha già usufruito di ben 117.564,00 € come contributi diretti unitamente ad € 32.832,00 percepiti di riflesso. Ma andiamo per ordine. Anno 2014: attraverso la determina n. 167 del 04 agosto l’amministrazione accordava l’importo di € 21.365,00 per l’organizzazione dell’estate nursina; attraverso la delibera di giunta n. 145 del 27 novembre l’amministrazione accordava il contributo straordinario di € 5.300,00 volto all’attività di promozione del territorio; attraverso la delibera di giunta n. 157 del 10 dicembre  l’amministrazione riconosceva un contributo pari ad € 27.100,00 necessario all’organizzazione degli eventi di intrattenimento durante le festività natalizie. Anno 2015: attraverso la delibera di giunta n. 39 del 16 marzo l’amministrazione assegnava € 7.000,00 per l’organizzazione e la gestione della staffetta fiaccola benedettina; attraverso la delibera di giunta n. 114 del 16 luglio l’amministrazione erogava un contributo pari ad € 20.000,00 per l’organizzazione dell’estate nursina; attraverso la determina n. 23 del 26 ottobre l’amministrazione riconosceva un contributo straordinario di € 5.300,00 volto all’attività di promozione del territorio; attraverso la delibera di giunta n. 187 del 07 dicembre l’amministrazione erogava l’importo pari ad € 31.500,00 per l’organizzazione di eventi durante le festività natalizie. Fin qui gli affidamenti diciamo diretti. A questi si aggiungano sostanziosi importi liquidati direttamente dall’Ente a favore di soggetti quali: – Cooperativa Santa Scolastica per servizio di supporto Pro Nursia durante l’estate nursina del 2015 – € 6.000.00; – Agenzia Lorenzo Paolucci per l’acquisizione degli spettacoli “Fausto Leali” e “cover band Moda” durante l’estate 2015 – € 15.860,00; – CS Eurofiere per il noleggio di una pista da ballo durante l’estate nursina 2015 – € 6.971,67; – Valnerock per l’organizzazione di un festival promosso dal consiglio comunale dei giovani durante l’estate 2015 – € 1.500,00 ; – Complesso Bandistico città di Norcia per la realizzazione del concerto di capodanno 2016 preso il teatro comunale – € 2.500,00. Relativamente alle suddette ulteriori spese, la domanda sorge spontanea: ma perché il comune si è dovuto fare carico di pagare direttamente per la realizzazione di eventi che aveva precedentemente già finanziato e demandato ad altro soggetto?! Mah… Facciamo presente per dovere d’informazione, che i contributi destinati all’associazione Pro Nursia sono stati recentemente oggetto di un’apposita interrogazione del consigliere Lavinia D’Ottavio, che alleghiamo integralmente, unitamente alla “fantasiosa” risposta del Sig. Alemanno che denota una scarsa attitudine con la matematica ed in special modo con le addizioni! A ben vedere però, l’attività dell’associazione non terminerebbe qui: vi sarebbero infatti i sostanziosi fondi fondi necessari alla realizzazione delle ultime due stagioni teatrali a cui però dedicheremo prossimamente un apposito post. Stesso dicasi per la serata del 31 dicembre 2015 unitamente agli altri appuntamenti organizzati nella struttura posta al piano primo del parcheggio di porta romana (ad esempio quella del 27 febbraio 2016). Certi di aver fatto cosa gradita vi lasciamo riflettere e valutare numeri alla mano circa i Pro… e i contro. Nuova Norcia “Libertà è...

Read More

Interroghiamoci

Posted by on 7 Gen, 2016 in All, Articoli, Cultura, Flash, Istruzione, Sviluppo Economico, Turismo | 2 comments

Interroghiamoci

E dire che non credevamo ai nostri occhi! Proprio all’indomani della presentazione delle quattordici interrogazioni presentate dal gruppo consiliare Norcia nel Cuore a fine ottobre, pensavamo veramente che il nostro lavoro di indagine, denuncia e proposta fosse andato a buon fine e un’opposizione, lungamente silente, avesse finalmente compreso il proprio ruolo. La riconversione della piscina coperta, la chiusura di via Solferino ai veicoli e la gestione del traffico cittadino, i contributi erogati all’associazione Pro Nursia, la vacanza del responsabile dell’area economica finanziaria attualmente in capo al sindaco, l’affidamento dell’incarico alla Caire Urbanistica di Reggio Emilia, la partecipazione di Norcia all’Expo 2015, insomma tutti temi di grande attualità ed importanza cui solamente noi avevamo dato risalto, ma che fino ad oggi erano finiti tra le pieghe di una finta normalità mista a disinteresse e disinformazione. Ma proprio sul più bello, qualcosa sembra essersi inceppato! Andiamo per ordine. Il gruppo consiliare Norcia nel Cuore presenta le interrogazioni confidando che le stesse vengano discusse durante il Consiglio Comunale del 19 ottobre. In realtà le stesse vengono inserite nell’ordine del giorno insieme ad un altro punto: 1) Interrogazioni del gruppo consiliare “Norcia nel Cuore” (acquisite al Prot. Comunale in data 09/10/2015 dal n. 12899 al n. 12912); 2) Approvazione Variante al vigente P.d.F. per la formazione di una zona di insediamenti “produttivi/servizi” e destinazione “strada” e per l’ampliamento di uno stabilimento produttivo sito in Norcia, Fraz. Agriano – Ditta Poggio San Giorgio S.A.S di Perticoni Daniele & C. Tale inserimento viene però ritenuto inappropriato dal gruppo di minoranza che a mezzo stampa si riserva di riproporle nuovamente in quanto a loro dire l’amministrazione ha artatamente inserito le interrogazioni senza indicarne dettagliatamente l’oggetto ed il relatore! L’amministrazione dal canto suo si è difesa adducendo che le interrogazioni “fossero incomplete e pertanto non consentivano di argomentare in maniera esauriente e mirata proprio nell’interesse della trasparenza amministrativa”. Nel Consiglio Comunale successivo, ovvero quello del 16 novembre non vi è traccia delle interrogazioni dato che i punti all’ordine del giorno riguardano tutt’altro: 1) la sostituzione di un Consigliere Comunale in seno alla prima Commissione Consiliare Permanente: “Sviluppo Economico, attività socio culturali, Affari Generali e turismo” e alla Commissione Comunale Speciale per la revisione dei Regolamenti comunali e dello Statuto; 2) l’approvazione del progetto definitivo in variante parziale al Piano di Fabbricazione, ai sensi della dell’art. 212, comma 3 della L.R. 1/2015, relativo alla realizzazione di un’area camper di Norcia (Fondi PAR FSC 2007-2013 – Linea di azione III.5.1). Nel Consiglio del 30 novembre, finalmente, riappaiono magicamente: dopo le comunicazioni del sindaco Nicola Alemanno e le comunicazioni per riassunto delle interrogazioni a risposta scritta del gruppo consiliare “Norcia nel Cuore” (acquisite al Prot. Comunale in data 20/10/2015 dal n. 13304 al n. 13308 e dal n. 13310 al n. 13318), l’assise cittadina sarà chiamata a prendere atto dell’adesione del Comune di Monteleone di Spoleto alla Centrale di Committenza, e a ratificare la deliberazione di Giunta Comunale e ultima variazione al Bilancio di Previsione Esercizio 2015. Ma purtroppo in aula i consiglieri di minoranza Stefanelli e D’Ottavio proprio nel giorno in cui avrebbero potuto attaccare l’amministrazione chiedendo lumi circa i delicatissimi argomenti sollevati, erano assenti ed hanno lasciato il solo Balsana a perorare le ragioni di un’opposizione a tutt’oggi inesistente! Non tutte le speranze sembrano però perdute; nell’intervento a firma del medesimo gruppo comparso in questi giorni sul periodico di informazione comunale Sala Quaranta, la minoranza definisce inappropriata e non soddisfacente la risposta avuta dal sindaco circa le suddette interrogazioni e minaccia di approfondire in altre sedi l’attività di indagine avviata con le interrogazioni. Staremo a vedere! Per adesso...

Read More

Auguri !!!

Posted by on 28 Dic, 2015 in All, Ambiente, Sport, Sviluppo Economico, Turismo | 1 comment

Auguri !!!

Un affettuoso saluto ed un ben trovati, dopo qualche mese di silenzio, torniamo alla Vostra attenzione con una serie di interessanti post tra i quali quello relativo a: viabilità e aree di sosta temporanee sui Piani di Castelluccio dal periodo 21 giugno – 13 settembre. Per introdurre tale questione Vi rimandiamo a pagina 11 del periodico di informazione del Comune di Norcia “Sala Quaranta” e più precisamente all’intervento a firma del Gruppo Consiliare Rispetto per Norcia che scrive testualmente: “invece di sollevare eccezioni in merito alle tantissime criticità da noi stessi rilevate nell’attuazione delle prime misure sperimentali di questo fondamentale progetto atteso da decenni nel nostro territorio, si è preoccupata di costruire un dossier sul fatto che il sindaco avesse conosciuto, attraverso le sue società e l’Università di Venezia, il progettista del PAMS”. Per i meno informati nella suddetta nota il gruppo Rispetto per Norcia fa riferimento ad una serie di interrogazioni presentate dal gruppo consiliare di opposizione Norcia nel Cuore e nello specifico a quella relativa all’incarico di collaborazione affidato dall’amministrazione comunale alla società Caire Urbanistica di Reggio Emilia, per un totale di € 48.190,00 e che avrebbe dovuto portare all’elaborazione di eventuali opere utili alla valorizzazione, all’accesso e alla fruizione di Castelluccio ed in particolare del Piano Grande. Ricordiamo altresì che è stata proprio Nuova Norcia la prima ad evidenziare tale fatto attraverso i post “L’amico dell’amico” e “Fermateli”. Stranamente, come già evidenziato nei sopracitati post, l’incarico è stato conferito con modalità particolari ad un socio del Sig. Nicola Alemanno all’interno di un’altra società denominata UNISKY s.r.l. Subito la prima anomalia dello scritto riportato su Sala Quaranta: il gruppo consiliare apostrofa il Sig. Baldini (Presidente della Caire Urbanistica) quale persona conosciuta e non come socio in affari dell’Alemanno! Mah… Secondo aspetto curioso: il gruppo fa riferimento ad un fantomatico PAMS, nello specifico piano azione mobilità sostenibile, per il quale, come dichiarato a mezzo stampa in data 12 agosto 2015 dello stesso primo cittadino, “il comune non ha ancora avviato neppure l’iter di adozione”. Ma allora perché chiamare PAMS un INCARICO DI COLLABORAZIONE?! Magari per mistificare ancora una volta la realtà? Tale incarico infatti, non solo non ha prodotto alcuna azione concreta e tangibile, non solo è stato affidato ad un socio del sindaco in palese conflitto di interessi, ma è costato la bellezza di quasi CINQUANTAMILA EURO alle tasche dei cittadini, in evidente contraddizione al tanto vituperato slogan elettorale “fare di più con meno”! In realtà il famigerato PAMS, durante la scorsa estate, è stato più e più volte tirato in ballo dal Sig. Alemanno nell’ambito di un acceso botta e risposta con varie associazioni ambientaliste (Umbria Mountain Wilderness, Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, WWF Marche Umbria, Lupus in Fabula, Pro Natura Marche, Comitato Acqua Bene Comune Terni, Associazione Mediterranea per la Salute) circa la regolamentazione dell’afflusso turistico veicolare presso il Piano di Castelluccio. L’amministrazione ha inteso infatti, attraverso l’ordinanza sindacale n. 49 del 16 giugno 2015 anticipare questo prestigioso progetto, il PAMS appunto, adottando iniziative quali la predisposizione di aree di sosta delimitate e a pagamento (a proposito, chi ha introitato i proventi?) unitamente all’istituzione di sensi unici, il divieto di posteggio in determinate aree, etc… Tale iniziativa, tanto decantata dal sindaco e definita dal medesimo un successo inducendolo ad affermare sul sito internet istituzionale che “il sistema studiato ha funzionato perfettamente” è stato aspramente criticato dalle sopracitate associazione tanto da indurle ad interessare il Ministero dell’Ambiente che attraverso la nota protocollo n. 16232 del 17 agosto 2015 ha chiesto al Comune di Norcia se prima dell’attuazione dell’ordinanza sindacale n. 49 siano state correttamente acquisite le autorizzazioni...

Read More